giovedì 17 agosto 2006

Marathon Man


Quest'estate ho avuto la gioia di rivedere dopo ere geologiche Turi Campo, mio grande amico di infanzia e più volte menzionato in miei racconti dal sapore mitologico. Campione di maratona, nuotatore, fotografo, esperto di cinema, animatore di siti web, appassionato di astronomia e gastronomia. Un pozzo di scienze. Adesso è sposato con una ragazza olandese, vive a Monza e ha due bellissime bambine bionde e chiare (a quando il test di paternità, Turi ?). Dopo tanti anni siamo riusciti a vederci abbastanza e a parlare di noi. Spero che ci siano altre occasioni.

1 commento:

Turi Campo ha detto...

Ciao vecchio mio, ho visto solo oggi il tuo blog di cui mi avevi parlato a Scoglitti. Complimenti! Scrivi molto bene. Ma quando ci frequentavamo assiduamente, decenni fa ;-) scrivevi così anche allora?
Mi hanno commosso le tue righe; è strano vedere come si ricordano di te e ti descrivono gli amici più cari a distanza di anni...
Ho letto tutto di un fiato tutti i tuoi post. Non mi ricordavo più dei "sequel" di Belfagor improvvisati sulla terrazza di casa mia d'estate, con mio fratello nel ruolo della protagonista, mentre mi ricordo benissimo gli anni passati a giocare ai Supereroi Marvel, con innumerevoli discussioni pre-gioco per decidere chi doveva impersonare l'Uomo Ragno, Thor e l'Uomo Impossibile! Ah ah ah ah !
Ma il tuo post che mi ha fatto morire più dalle risate è quello sui due mitici venditori di "viustel" e "aburcher" (c'era proprio scritto così sul loro listino). Mitici! E' proprio vero, non ci sono più i "viustel" di una volta.

Un abbraccio
Turi Campo